Recupero dati con Photorec

PhotoRec è un tool gratuito multipiattaforma che permette di recuperare file da qualsiasi supporto conseguentemente a cancellazione o formattazione.

In realtà il software è composto da due programmi distinti, e cioè:

1) TestDisk: in grado di recuperare partizioni cancellate e ripristinare dischi non più avviabili

2) PhotoRec: esegue il recupero file

Caratterizzato da una interfaccia testuale integrata nella bash/prompt e dalla capacità di lavorare anche su filesystem danneggiati, non necessita di installazione e si lancia così:

GNU/Linux:

scaricare il .tar.bz2

scompattare l’archivio da terminale:

user@linux:~$ tar -xvjf testdisk-6.10.linux24.tar.bz2

spostarsi nella nuova directory

user@linux:~$ cd test*/linux

eseguire PhotoRec:

user@linux:~$ su

root@linux:~# ./photorec_static

(se avete Ubuntu utilizzate sudo in alternativa al loggarsi come root)

Windows:

scaricare lo zip

scompattare la cartella

entrare nella nuova cartella e poi nella cartella win

doppio click sull’eseguibile photorec_win

Si scarica da qui.

Non spiego come si usa perche’ e’ abbastanza facile, per maggiori info clicca qui.

Annunci

Joomla + Ubuntu LAMP Server + Virtualbox

Per impratichirmi un po’ con Joomla ho deciso di installare una macchina virtuale sul portatile da utilizzare come LAMP server di test. Tutto e’ andato a buon fine solo che non sapevo come collegarmi dall’host al server sul guest, dato che dispongono di range di IP differenti (l’host 192.168.1.x mentre il guest 10.0.2.x). Alla fine, grazie a un topic sul forum di Ubuntu ho capito come si deve fare.

Qui non tratto nello specifico la configurazione del server LAMP ma solo come ottenere una configurazione di base funzionante.

Installare Virtualbox:

sudo apt-get install virtualbox-ose

(attenzione la versione OSE -Open Source Edition- non supporta USB, se necessitate di questa funzione scaricate la versione non open dal sito ufficiale)

Creare una nuova macchina virtuale e come disco di avvio selezionare l’immagine .ISO di Ubuntu Server precedentemente scaricata, installare il server selezionando la configurazione LAMP.

Adesso se avviate il server vedrete con ifconfig -a che il range di rete e’ diverso da quello della macchina host, per cui aprendo il browser e digitando l’IP del server non raggiungerete un bel niente.

Spegnete la macchina virtuale, andate nelle impostazioni della macchina in Virtualbox e nella sezione Network selezionate Bridged al posto di NAT.

Riavviate la macchina virtuale e controllate con ifconfig -a vedrete che adesso host e guest appartengono allo stesso range di rete, per cui vi bastera’ puntare il browser all’IP del sever, nel mio caso 192.168.1.66.